Tappa 5 – Agricoltura sostenibile: dalla teoria alla pratica

Agricoltura-ricerca
Nel secolo scorso l’agricoltura si è basata sullo sviluppo di tecniche e mezzi tecnici studiati per rendere l’attività agricola più produttiva e redditizia:

  • il miglioramento genetico ha permesso la selezione di varietà vegetali e razze animali particolarmente produttive
  • la chimica di sintesi ha portato al brevetto di numerose molecole per lo sviluppo e la difesa delle colture (fertilizzanti, diserbanti, fungicidi e insetticidi)
  • la meccanizzazione agricola ha permesso la coltivazione di vaste aree in tempi ridotti

La diffusione di queste tecniche comporta ricadute ambientali, sociali ed economiche che nel passato non sono state adeguatamente valutate

Le problematiche della ricerca in agricoltura
Oggi l’agricoltura si trova a fronteggiare problematiche decisamente più complesse rispetto al passato. Il mondo della ricerca in campo agricolo deve quindi trovare soluzioni tecniche e gestionali “sostenibili”, in grado cioè di soddisfare allo stesso tempo le esigenze economiche degli imprenditori agricoli, conservare l’ambiente (limitare l’inquinamento, mantenere la biodiversità e la fertilità del terreno) e fornire alla collettività alimenti sani e in adeguata quantità. La sfida non è facile!

La ricerca del CiRAA per un’agricoltura sostenibile
Il CiRAA conduce da anni ricerche in campo agrario indirizzate allo studio dei singoli aspetti delle tecniche di coltivazione (scelta delle varietà coltivate, delle tecniche di lavorazione del terreno e di concimazione, ecc.). Dalla fine degli anni ‘80, a questi studi si sono affiancate le così dette “ricerche di sistema
Si tratta di ricerche dove più tecniche vengono applicate contemporaneamente (come avviene in una vera e propria azienda agricola) e studiate nel tempo (oltre 10 anni). Le ricerche di sistema e di lungo periodo permettono di cogliere la complessità della realtà agricola e determinare meglio l’impatto dei processi di produzione sull’ambiente e sulla redditività delle imprese agricole. Solo nel tempo infatti possono manifestarsi i risultati positivi o negativi di una o più tecniche per i loro effetti cumulati, per le interazioni tra esse e con gli andamenti climatici.
E proprio nell’area che ci circonda che, tra il 1981 e il 1986, sono iniziate le prime ricerche italiane di lungo periodo

Risultati
Queste ricerche hanno dimostrato, nel lungo periodo, come sia possibile applicare tecniche di lavorazione del terreno e di concimazione a minore impatto ambientale ed economico senza ridurre in modo significativo la produttività delle colture